duminică, mai 26, 2024
spot_imgspot_img
AcasăCarrieraCătălin Buciumeanu - tra Persone e Momenti, con Gabriela Roșca

Cătălin Buciumeanu – tra Persone e Momenti, con Gabriela Roșca

Cătălin Buciumeanu è un dottorando presso la facoltà di Filosofia dell’Università di Bucarest, laureato presso l’Accademia Nazionale dell’Informazione, docente ospite presso il Collegio Nazionale della Difesa, consulente parlamentare presso la Camera dei Deputati – Parlamento della Romania, co-fondatore del Quantum Global Group e del Centro di Strategie Avanzate, Presidente di INVENTIKUS.

INVENTIKUS è un Cluster per l’Innovazione e le Nuove Tecnologie il cui principale obiettivo è sostenere e promuovere le invenzioni rumene per utilizzarle per migliorare la qualità della vita in Romania. INVENTIKUS scopre e promuove nuove idee tecnologiche degli inventori rumeni per garantire la conservazione dei ricercatori e dei loro progetti in Romania.

Gabriela Roșca: Cătălin Buciumeanu, chi è Cătălin?

Cătălin Buciumeanu: Cătălin è un personaggio con una ricca esperienza di vita, avendo più anni di istruzione di quanto potesse immaginare inizialmente. Nel corso della vita, ha avuto il privilegio di essere circondato da persone che gli hanno insegnato preziose lezioni. Praticamente, ogni fase della sua esistenza è stata un’opportunità per imparare qualcosa di nuovo, che si trattasse di aspetti che non controllava o di settori sconosciuti, il tutto contribuendo a superare i momenti difficili della vita. Cătălin, insieme ad altri, è riuscito a costruire progetti notevoli sia nel mondo degli affari che in quello istituzionale.

Attualmente, coordina un cluster tecnologico chiamato INVENTIKUS, che comprende oltre 40 aziende tecnologiche rumene o associate alla tecnologia. Prima di questo, ha guidato un’ONG chiamata Centro di Strategie Avanzate, coinvolto in vari settori come politica estera, sicurezza, diplomazia e geopolitica. In precedenza, Cătălin ha trascorso sei anni lavorando nell’amministrazione pubblica, incluso presso l’Amministrazione Presidenziale, e ha collaborato con diverse istituzioni governative rumene, come il Ministero delle Comunicazioni, il Ministero della Salute e il Parlamento della Romania, partecipando attivamente con i decisori.

Gabriela Roșca: Concentriamoci sul momento in cui hai deciso di lasciare quelle istituzioni e di concentrarti sulla prossima fase della tua carriera. Come hai descritto quella transizione?

Cătălin Buciumeanu: Ho affrontato questa transizione come una sfida. Inizialmente, la mia formazione era nel campo delle scienze esatte, in particolare chimica e fisica. Successivamente, ho compiuto un cambiamento importante, orientandomi agli studi filosofici, una disciplina all’opposto delle scienze esatte. Dall’ambiente istituzionale, ho fatto il passo verso il settore privato, iniziando con la consulenza nella gestione dei progetti, per poi orientarmi verso il settore IT e delle comunicazioni. Qui ho incontrato molti professionisti notevoli, da imprenditori a ingegneri di sistema e software, fino agli inventori.

Più tardi, il mio percorso professionale mi ha portato al settore dell’istruzione. Presso l’Accademia di Studi Economici (ASE), coordino, a nome del Centro di Strategie Avanzate, un programma focalizzato sull’intelligence competitiva nel contesto economico internazionale e degli affari. Questo ruolo mi ha offerto l’opportunità di interagire con dirigenti di medio e alto livello, identificando varie esigenze in questo processo. Così, ho pensato di avviare un cluster di innovazione tecnologica, rendendomi conto che c’era un costante insieme di esigenze insoddisfatte sul mercato.

Il mio progetto era quello di costruire una struttura in grado di rispondere a queste esigenze di mercato, che non avevano ancora soluzioni adeguate. Sono passato quindi da un contesto educativo a uno più pratico, riunendo aziende con visioni e necessità simili, con un enorme potenziale non solo sul mercato rumeno, ma anche a livello internazionale. Ho anche avuto il ruolo di relatore per la Romania al Forum Europeo sulla Blockchain, dove ho osservato come gli Stati membri europei affrontano la promozione della tecnologia. È stato dichiarato che la tecnologia blockchain costituisce un’infrastruttura critica europea, il che mi è sembrato una prospettiva interessante.

Ho visto come gli Stati membri, attraverso i loro rappresentanti ministeriali e le società tecnologiche, presentano le loro iniziative e soluzioni tecnologiche a Bruxelles per selezionare le più promettenti, che possono essere scalate a livello dell’intera Unione Europea, beneficiando di finanziamenti dedicati. Mi sono reso conto che meccanismi simili sono necessari anche in Romania, specialmente per consolidare le aziende rumene che dispongono di soluzioni innovative, ma che si confrontano con diverse barriere, che siano esse di marketing, visibilità, linguistiche o strategiche.

Gabriela Roșca: In effetti, la maggior parte delle startup, in particolare quelle nel campo tecnologico, sono fondate da programmatori o professionisti con esperienza nello sviluppo di software. Anche se questi fondatori possono avere conoscenze di gestione dei progetti, non significa automaticamente che possiedano competenze imprenditoriali, in strategie di marketing o nelle tecniche di vendita, e ancor meno per quanto riguarda l’espansione internazionale, che può essere ancora più complessa. Quindi, è evidente che queste startup necessitano di supporto non solo in termini di finanziamento, ma anche in educazione imprenditoriale per affrontare con successo le sfide del business.

Cătălin Buciumeanu: È vero. Ho scoperto iniziative governative estremamente serie. Infatti, sono coinvolto, proprio in questo momento, in una di queste. Si tratta di un gruppo di lavoro dedicato all

‘innovazione nel settore aziendale, creato dal Ministero dell’Economia, che presta particolare attenzione ai cluster, che siano tecnologici o meno. Le aziende in Romania hanno unito le loro competenze per sviluppare una politica pubblica volta a sostenere il settore privato. Questo approccio innovativo è riconosciuto in due direzioni: sia nel settore aziendale che in quello tecnologico. Nel contesto aziendale, ci concentriamo sull’innovazione legata all’ottimizzazione dei processi e sulla capacità delle aziende di accedere al mercato con prodotti che, sebbene non siano necessariamente innovativi dal punto di vista tecnologico, rispondono alle esigenze del mercato in modo più efficiente.

Discussione video completa:

Gabriela Roșca è una specialista delle Risorse Umane (HR) con oltre due decenni di esperienza, che si distingue per l’avvio di progetti innovativi nel campo delle risorse umane, orientati allo sviluppo professionale delle persone in questo settore. Fondatrice di POINT Consulting Digital e co-fondatrice di SMART HR e piatamuncii.info, Gabriela mette l’accento sul valore umano, credendo fermamente nella potenza della collaborazione tra l’uomo e la tecnologia. È una sostenitrice attiva del progresso e lotta per il riconoscimento dell’importanza strategica del dipartimento HR all’interno della struttura di qualsiasi azienda, favorendo l’efficace sinergia tra tutti i dipartimenti di un’impresa.

RELATED ARTICLES

LĂSAȚI UN MESAJ

Vă rugăm să introduceți comentariul dvs.!
Introduceți aici numele dvs.

APPREZZATE

Questo sito utilizza i cookie e richiede i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione. We are committed to protecting your privacy and ensuring your data is handled in compliance with the General Data Protection Regulation (GDPR).